Photogallery

Photogallery

UN COUP DE FOUDRE CON IL BOSCO


di Enzo Lanati


Ecco una parte del mio vissuto, il più vicino agli esseri vegetali, animali e minerali. Quello che dà lo spirito alle altre mie attività a Corricelli.
Mi è difficile condividere con voi le energie del bosco utilizzando il nostro linguaggio. Il corpo, gli occhi, i movimenti, il feeling, lo trasmettono meglio. Perciò vi descriverò un pezzettino di cartolina, non è spedita da lontano, viene dal primo bosco che incontrerete, e se non vedete una capanna di paglia non importa, la parola ecovillaggio è stata coniata dagli umani e non dagli alberi.
Dopo lunghe ore alla guida di un automobile, eccomi a camminare per trequarti d'ora nel buio, con il terreno che scricchiola dal gelo sotto i miei piedi. Un percorso sterrato di alta collina che lentamente diventa fosso. Una camminata che ripulisce le energie urbane per lasciare spazio a quelle del bosco, e più vivo con gli alberi più cammino e più lascio le scatole di ferro lontane. I cambiamenti di ombre, momenti di buio pesto, i passaggi dentro certi boschetti o il saluto di un pastore maremmano, mi permettono di capire come mi sento profondamente e di sviluppare tutti i sensi.

Ad aspettarmi sulla strada e sotto la nostra capanna a palafitta ci sono Sally e Maria, le nostre cagnette che tutte le notti si danno da fare a tenere a distanza accettabile i cavalli e maiali bradi, i cinghiali, caprioli, le volpi, gli istrici e i tassi. Senza i cani saremmo più vicini alla fauna selvatica, ma forse saremmo costretti a costruire recinti.
Tutto il bosco è immobile, silenzioso, non come sotto un manto di neve ma ci manca poco.
Entrando in capanna sono accolto da Anja e un calduccio che sa di legno e argilla e di piante seccate appese ai travetti. Un po' più in alto ci sono i ghiri che non dormono, e li capisco, visto che le bisce, nemiche naturali dei topi, sono nostri graditi ospiti nel tetto. Per mantenere l'equilibrio di questo condominio (lucertole, ragni, uccellini, formiche, ghiri, bisce, vespe) anche noi dobbiamo tuffarci in questo flusso e vivere a stretto contatto con il selvatico.
Sono contento di avere costruito una comodo riparo rapidamente degradabile che non lascerà traccia del mio passaggio in questo luogo.

Tra gli alberi, chi ci accoglie sono principalmente le più anziane, le querce, con sotto una combriccola di essenze testimoni della presenza umana, rotolata a fondo valle da decenni. Quelle che non sono morte dalle ferite inferte o dalla lotta verso la luce sono qui, alte, storte, vecchie, possenti.
Per non rimanere sulla superficie della cartolina e per non perdermi nel descrivere la complessità delle essenze di un bosco della montagna, e per affacciarmi più alla qualità che alla quantità, preferisco condividere con voi alcuni miei sentimenti più salienti nella convivenza con questi esseri.  Attento, impotente, incerto, curioso, insicuro, inquieto, di buon umore, gioioso, immerso, allarmato, incantato, rapito, sorpreso, tranquillo, vigile, VIVO, si perché alla fine del viaggio ci voglio arrivare VIVO.
Dove arriva, per caduta, l'acqua della risorgiva abbiamo il nostro spazio comune, una costruzione senza pareti dove ci si riunisce e si mangia. Senza pareti la mente gode, lo sguardo spazia liberamente, dal ragno davanti al nostro naso, all'orizzonte, e continuamente, visto l'infinità di stimoli. Il nostro corpo è in costante adattamento meteorologico. Il territorio percettivo si espande e viaggia con le correnti d’aria, con i suoi momenti immobili e silenziosi di un tutto unico.
Uh, che salutare il letargo. E il bosco coperto di neve? Come un coup de foudre tra due esseri.
E la linfa della primavera, altroché ricostituenti. Pian pianino le parole farmacia e dottore vanno reinterpretate. E le piogge torrenziali – beh, a custodire il nostro nido ci pensa il bosco.


ps.
un fremito si diffonde nei boschi della Calvana. A fondo valle gli uomini hanno acceso le loro motoseghe, e tante, e le loro ruspe e i trattori. Qualcosa di eccezionale sta succedendo, di quelle cose che capitano nella storia a distanza di secoli. Guerrieri, commercianti, navigatori, adesso tocca ai consumatori. Quelli che credono di poter continuare a mantenere il loro standard di vita buttandosi sulla foresta. Avete detto ai vostri figli e nipoti cosa state facendo?

Post più popolari

IL RECUPERO DEL BORGO DI MEZZANA

VISITARE L' ECOVILLAGGIO CORRICELLI

CORSO DI AGRICOLTURA SINERGICA all'Ecovillaggio Corricelli